A proposito di Autostima

Vedi anche...

Il concetto di Autostima, ovvero stima di sé, fiducia in sé, è diventato negli ultimi un must della Psicologia; spesso viene considerato la causa principale dei vari problemi e delle difficoltà psicologiche umane.

In realtà, l'Autostima non è una causa ma un effetto, che solo successivamente diventa anche causa nel funzionamento circolare della mente umana.

Un effetto di cosa ?! Un effetto del rapporto soggettivo tra le nostre aspettative e la valutazione di quello che otteniamo nell'interazione con noi stessi, gli altri e il mondo circostante.

In sostanza, l'Autostima non è riconducibile a parametri oggettivi ma è puramente soggettiva ! Questo spiega perchè persone diverse abbiano vissuti notevolmente differenti di loro stessi ad ipotetiche parità di condizioni.

Come fare per accrescere la propria autostima ? Semplice ! (in teoria...) Prima di tutto è necessario "lavorare" sulle aspettative che nutriamo verso noi stessi, gli altri e la vita: se sono troppo elevate o rigide rischiamo la delusione sistematica (i depressi sono gli specialisti di questa modalità !); se invece abbiamo aspettative troppo modeste, soprattutto verso noi stessi, potremmo non valorizzare le nostre potenzialità e capacità e alimentare varie paure.

Secondariamente, è fondamentale agire !!! L'errore più frequente della mente umana (compresa quella di molti psicologi) è quello di pensare: "prima trovo me stesso, cerco di capire a fondo e poi cambio" peccato che ragionare così non porterà mai a niente e se mai avverranno cambiamenti saranno determinati dalla vita stessa e da quella frequentissima variabile che tanto non ci piace e tendiamo a negare: il caso !

L'unica alternativa efficace è dunque individuare la direzione che voglio raggiungere e, un passo alla volta, cominciare ad agire ! .....la cosiddetta "illuminazione" sarà una conseguenza !

Parafrasando Sartre, possiamo dire che noi siamo quello che facciamo; ne consegue che se io mi abituo a comportarmi come se fossi fragile, insicuro e inconcludente - o ciò che ritengo essere tale - mi percepirò proprio così, realizzando e subendo sempre più questo circolo vizioso. Viceversa, se riesco un po' alla volta a cambiare ciò che faccio nella direzione che ritengo più adeguata alle mie aspettative, l'opinione di me cambierà in positivo e innescherò un circolo virtuoso.

Del resto, già due mila anni fa, il filosofo greco Epitteto sosteneva: "prima dì a te stesso cosa vorresti essere; poi fai ciò che devi fare"

A proposito di Autostima
Contatta il dott. Fabio Molari

Nome e Cognome*

Email*

Professione

Telefono

Messaggio o richiesta*




*campi obbligatori